Itinerario – Stanza Pittura

Il pittore palermitano Michele Catti, con la sua Porta Nuova [A], inaugura l'itinerario proposto. Il monumento storico, per secoli considerato la più importante via d'accesso al centro storico di Palermo, è il punto in cui nasce la principale arteria cittadina: il Corso Vittorio Emanuele o Cassaro.

Proseguendo per il corso Vittorio Emanuele si arriva al Museo Diocesano [B], che offre uno sguardo su oltre otto secoli di storia della Chiesa palermitana. Proprio da qui si può ammirare il grandioso complesso architettonico della Cattedrale di Palermo.

Continuando il cammino, si giunge al Palazzo Belmonte-Riso [C], sede del Museo d'Arte Contemporanea della Sicilia, uno degli spazi espositivi più importanti della regione Sicilia.

La collezione permanente comprende opere di artisti contemporanei tra cui Alessandro Bazan, Andrea Di Marco, Carla Accardi. A pochi passi si trova il principale snodo della città di Palermo, la meravigliosa Piazza Vigliena, comunemente conosciuta come i Quattro Canti. Nella piazza si affaccia la superba chiesa di S. Giuseppe dei Teatini, rivestita da pregiati marmi e meravigliosi affreschi. Imperdibile la visita della vicina Piazza Pretoria con la sua omonima Fontana (1554).

Alle spalle si apre la scenografica Piazza Bellini, dominata dal pittoresco insieme delle due chiese della Martorana e di S. Cataldo. La Martorana, detta più propriamente chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio, è il più emblematico tra i monumenti normanni del centro storico di Palermo, un vero e proprio gioiello d'arte. Accanto, tra le piante di oleandri e ibiscus, emerge la squadrata mole della chiesa di S. Cataldo, oggi sede dei Cavalieri del Santo Sepolcro.

A pochi passi da qui, nel quartiere arabo della Kalsa, si svela la Galleria Civica d'Arte Moderna “S. Anna” [D]. Qui sono esposte opere di importanti artisti locali e internazionali, tra cui Francesco Lo Jacono, Michele Catti, Renato Guttuso, Giorgio De Chirico, Carlo Carrà, Franz Von Stuch.

Addentrandosi alla Kalsa, si raggiunge l'arteria principale del quartiere, la via Alloro, dove figura il Palazzo Abatellis [E], sede della Galleria Regionale Siciliana. Qui sono esposte opere pittoriche che spaziano dall'XI al XVII secolo, tra cui il Busto di Eleonora d'Aragona di Francesco Laurana, L'Annunziata di Antonello da Messina ed Il Trionfo della Morte.

Imperdibile la visita del vicino Palazzo Chiaramonte o Steri [F], ex tribunale dell'Inquisizione spagnola e oggi sede del Rettorato dell'Università degli studi di Palermo. Al suo interno è conservato il celebre dipinto di Renato Guttuso “La Vucciria”, che raffigura l'omonimo mercato storico di Palermo, i suoi colori, i volti dei passanti. Il pittore bagherese ha scritto “Il volto è tutto, sulla faccia della gente c'è la storia che stiamo vivendo, l'affanno dei giorni. La portiamo incisa più dei fatti che ci accadono in presa diretta o che avvengono lontano: noi siamo la vera pellicola della realtà; e io la dipingo”.

Agli appassionati della vita e delle opere di Renato Guttuso, si consiglia di riservare un'intera giornata alla visita del Comune di Bagheria, ed in particolare del Museo Guttuso di Villa Cattolica e delle meravigliose ville settecentesche, come Villa Palagonia e Villa Valguarnera.

SCARICA E STAMPA LA GUIDA